DSC00062.JPG

L'amore ist nicht une chose for everybody

(Loving Kills)

You have nothing.

Una scritta al neon illumina un gate aeroportuale.

In questo luogo una hostess si aggira nella sua routine fatta di annunci e di dimostrazione delle misure di sicurezza. Qui accoglie i viaggiatori che, nell’attesa del volo, si incontrano, si scontrano e si confrontano con l’amore e le loro convinzioni.

 

Il gate è un luogo dove i corpi urlano tutto il loro bisogno d’amore.

In questa terra di nessuno dove le vite si sospendono, i performer intraprendono un percorso in cui ognuno di loro rievoca la propria esperienza: cosa vuol dire oggi avere trent’anni e interrogarsi sull’amore? Come si può parlare d’amore? Quali e quante forme d’amore sono possibili oggi? Che ruolo ha l’amore nella nostra vita?

 

A rispondere a queste domande ci provano anche i trentenni video-intervistati che danno voce a una generazione frammentata, a metà tra il modello d’amore ricevuto dalle generazioni precedenti e un’alternativa ancora non definita. Nelle relazione di oggi dove tutto sembra ruotare attorno al concetto di libertà, l’individuo si trova ugualmente in una condizione di vulnerabilità.

  

testo

Thomas Couppey

Simon Waldvogel

regia 

Simon Waldvogel

supervisione artistica

Carmelo Rifici

con

Thomas Couppey

Aurelio Di Virgilio

Camilla Parini

Anahì Traversi

Carla Valente

Simon Waldvogel

assistente alla regia

Federica Carra

luci

Matteo Crespi

scene

Giulia Breno

dramaturg

YvesRegenass

video

Pietro Zara

produzione

Collettivo Treppenwitz

  • Facebook quadrato nero
  • Flickr base nera

© 2023 by JACK BANKS PHOTOGRAPHY. Proudly created with Wix.com